Chi scrive recensioni fasulle su TripAdvisor ora rischia la galera

I falsi recensori di TripAdvisor ora rischiano di finire in galera: il Tribunale Penale di Lecce ha stabilito che scrivere recensioni fasulle utilizzando un’identità fittizia è un crimine secondo la legge italiana.

Una sentenza storica, decisiva: vendere recensioni false è già una violazione della legge in diversi paesi, ma quello italiano è uno dei primi casi di di esecuzione di una sentenza che ha portato a una condanna penale. 

Nel caso specifico ha condannato il proprietario di PromoSalento, che vendeva pacchetti di recensioni false ai business dell’ospitalità in Italia: è stato condannato a 9 mesi di prigione e al pagamento di circa 8.000 Euro per spese e danni.

TripAdvisor ha supportato il procedimento costituendosi parte civile durante il processo e ha condiviso le prove raccolte dal suo team interno di investigazione frodi. D’altronde è la stessa piattaforma a combattere da tempo contro il fenomeno: per esempio, dal 2015 ha bloccato le attività di più di 60 aziende di recensioni a pagamento nel mondo, ha partecipato alla stesura delle linee guida del World Committee on Tourism Ethics per per indirizzare a un uso responsabile dei punteggi e delle recensioni sulle piattaforme digital e attivato una mail – paidreviews@tripadvisor.com – alla quale può scrivere venga approcciato o contattato da persone che offrono false recensioni. Basterà a bloccare i finti recensori seriali?

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...